Come guadagnare con youtube nel 2016

Youtube è una realtà che fa gola a molti utenti in termini di guadagno e consensi, soprattutto se si pensa che molti Youtuber hanno trasformato il loro tempo e le loro passioni in un vero e proprio lavoro. Di conseguenza sono molti a chiedersi come si può guadagnare con Youtube e soprattutto in che modo la piattaforma paghi i propri utenti. Innanzitutto dobbiamo specificare che è la pubblicità a pagamento inserita all’interno dei tuoi potenziali video a permetterti di guadagnare dividendo l’incasso pubblicitario con la piattaforma che ti ospita.

In pratica sarà stesso Youtube ad inserire nei tuoi video delle inserzioni pubblicitarie da cui deriverà il tuo guadagno, laddove più i tuoi video sono visualizzati, più quei banner pubblicitari sono cliccati e maggiore sarà il tuo introito finale. Per poter iniziare ad usufruire di tale opportunità occorre avere un account AdSense, il servizio di affiliate marketing promosso da Google. Successivamente bisognerà presentare una domanda di iscrizione al programma di partnership di Youtube, che in caso positivo ti permetterà di accedere alla piattaforma in qualità di advertiser, consentendoti di guadagnare trasformando il traffico generato dai tuoi video in denaro.

Nell’eventualità in cui il video che decidiamo di caricare non infrange alcun copyright in merito e dunque rispetti tutti i requisiti richiesti da Youtube, verrà senza dubbio approvato e messo on line. All’interno del tuo video compariranno delle pubblicità che ti permetteranno di monetizzare il coinvolgimento del tuo pubblico. A tal punto occorre domandarsi come e soprattutto quanto si guadagna con Youtube. Dato che la piattaforma non ha mai specificato quale sia il tipo di introito, dall’esperienza comprovata dei youtuber possiamo affermare che i ricavi si aggirino intorno a un dollaro per ogni 100 visitatori. Di conseguenza questa somma varia in rapporto a quanta pubblicità viene inserita nel tuo video e soprattutto dal numero di visualizzazioni che riesce a totalizzare.

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *